Borgo di Imada

Un borgo gomero nel burrone di Retafe
Imada, nella zona centro meridionale dell'isola di La Gomera è un borgo racchiuso nel burrone di Refate, all'ombra delle sue cime e custodito da diverse montagne. Si trova vicino all’Area Protetta di Orone e la vita scorre lentamente tra campi terrazzati dove si trovano disseminate molte palme. Dalla sua unica strada partono sentieri e vicoli dai quali si accede alle case gomere dall’architettura tradizionale, molte di esse in pietra nuda, altre rivestite con un bianco che contrasta con il paesaggio verde.
Valori culturali e squisita carne di capra
Scendendo delle scale arriviamo alle prime case e alla chiesa. Imada ha elementi culturali di grande interesse, come le ere (cortili in cui la paglia veniva trebbiata per rimuovere il grano), i forni domestici e persino le cantine scavate nella roccia. Sul fondo del burrone di Refate si getta nel vuoto un torrente tra le scogliere mozzafiato e si possono vedere capre in libertà al pascolo sulle pendici del borgo. Si raccomanda di non andarsene da Imada senza aver provato la sua squisita carne di capra.
Archeological sites
Touristic info
Localidad
Alajeró

TENERIFE

TENERIFE

GRAN CANARIA

GRAN CANARIA

FUERTEVENTURA

FUERTEVENTURA

LANZAROTE

LANZAROTE

LA GRACIOSA

LA GRACIOSA

LA GOMERA

LA GOMERA

LA PALMA

LA PALMA

EL HIERRO

EL HIERRO
Sostenibilità
Sostenibilidad
- Non lasciare rifiuti di alcun genere nell'ambiente, compresi i mozziconi di sigaretta. Gli avanzi di cibo contribuiscono alla proliferazione di roditori e gatti selvatici che rappresentano una grave minaccia per la fauna.
- Non gettare in mare oggetti o rifiuti di alcun genere.
- Rispetta gli animali, non disturbarli e non dar loro da mangiare. Se vedi un esemplare ferito, puoi telefonare al numero di emergenza 112. Non strappare fiori o piante.
- Non raccogliere, né portare via pietre o qualsiasi altro elemento dal mezzo naturale. Non modificare quest’ultimo neanche impilandole per realizzare le tristemente famose "torri".
- Rispetta e abbi cura del patrimonio storico e culturale del luogo, nonché dei diversi elementi dell'arredo pubblico (pannelli informativi, ringhiere, sedili, illuminazione...).
6
9
262
10045